World Aids Day: Amy Abrahams sul perché dobbiamo parlare di HIV | IT.rickylefilm.com
Lo stile

World Aids Day: Amy Abrahams sul perché dobbiamo parlare di HIV

World Aids Day: Amy Abrahams sul perché dobbiamo parlare di HIV

Perché abbiamo bisogno di parlare di HIV

Biglietti di compleanno. Di inviarli fuori e non li aspettate indietro. Ma in una scatola nella mia libreria, io continuo a una raccolta di schede, una volta che ho dato al mio amico, Ben. All'interno, ci sono messaggi divertenti, dichiarazioni di affetto e un sacco di disegni strani; uno è anche ottenuto una foto di due moda 90-quarantina (Iris e Carl Apfel, si dovrebbe chiedersi) bloccati all'interno - una nota dicendo che questo ci sarà in 50 anni, gli amici ancora, ancora favoloso. Ma sette mesi dopo che ho scritto quella carta, è stato restituito a me. Ben era morto. La sua famiglia ha trovato le carte tra i suoi ricordi e ho pensato che vorrei di nuovo. Era 32. Uno dei miei migliori amici. E 'stato anche sieropositivo.

Ben non doveva morire. Non è così giovane, in ogni caso. E questo è difficile da accettare - una morte che avrebbe potuto essere evitato, un amico che potrebbe ancora essere qui.

Sento la sua assenza come un arto fantasma. Sono passati quattro anni senza di lui, ma ho ancora il suo numero nel mio telefono. L'elenco delle cose che ho bisogno di dirgli diventa più grande di giorno in giorno. La sua memoria, questa perdita, è un compagno quotidiano. A volte, mi sento derubato e arrabbiato che avrebbe potuto essere qui per 30, 40 più anni. Che ha lasciato troppo tardi per ottenere diagnosticata.

La storia di Ben è complicata, i suoi frammenti messi insieme come un puzzle con parti mancanti. Ho passato più e più eventi e circostanze e conversazioni per le risposte, ma trovo solo altre domande. Quando ha prima sospetto? Perché non ha fare il test? Perché non ha parlato con i suoi amici? Ciò che lo spaventava di più? Non posso pretendere di conoscere i suoi pensieri. Posso solo immaginare che la paura del virus HIV, lo stigma, è diventato maggiore del virus stesso.

Quello che so è che ha iniziato a sentirsi male. Abbiamo guardato a ottenere più sottile, ritirare, e siamo preoccupati era depresso. Ma Ben è stato un privato. I suoi amici rispettati che. Quando era veramente malato, l'abbiamo sollecitato ad andare da un medico. Mi hanno chiesto se avesse pensato di ottenere un test HIV, ma non l'ho fatto. Il mio cervello ha soppresso tale presupposto. Ho pensato che, sì, è gay, ma non deve significare che. Ora mi auguro che avevo solo chiesto.

La sua diagnosi solo è venuto una volta che è stato ricoverato in ospedale. Quando è stato costretto a scoprire.

Ogni Giornata mondiale contro l'AIDS da quando Ben è morto, l'ho detto a me stesso io condividere la sua storia, nella speranza che questo possa aiutare a salvare la gente la sofferenza che la famiglia e gli amici di Ben sono passati attraverso. Ma ogni anno, non ho abbastanza noto da dove cominciare. Quello che voglio dire è molto più di accattonaggio di praticare il sesso sicuro e fare il test. Questo è molto più di chiedere alla gente di essere meno pregiudizi e più a cuore aperto. Quello che voglio dire è che abbiamo bisogno di parlare di HIV. Davvero parlarne. Perché Ben non poteva. Non ho potuto. Non proprio. Non quando è diventato reale.

Non voglio ridurre la vita di Ben ad un ammonimento. Lui è molto più di una semplice storia di HIV. Ma il fatto è che lui non è qui. E fa male. Quindi, in questa Giornata mondiale contro l'AIDS, cerchiamo di demistificare l'HIV. Disegniamo fuori dalle grinfie di stigma. Rimuoviamo giudizi morali sbagliate dalla conversazione - Non hanno luogo qui. Chi fa sesso con qualcuno, quanto spesso, non dovrebbe avere un impatto su come vediamo l'HIV. Si tratta di un virus. Una malattia. Gay, etero, vecchi, giovani. Nessuno è immune.

E parliamo di preservativi (e, soprattutto, li trasportano, insistendo su di loro, li indossa). Parliamo di avere un test di salute sessuale e conoscere il proprio stato. Quando è stata l'ultima volta che hai test per l'HIV, clamidia, gonorrea? So che quando ho fatto - a destra prima ho iniziato a dormire con il mio ragazzo. Ho dovuto avere una conversazione imbarazzante con lui su come ottenere testato prima che il sesso ha cominciato? Sì, più o meno. Faccio a sapere il mio status? Sì. Ho ho dormito con la gente prima e non usato un preservativo, anche se sapevo che avrei dovuto? Sì. Ho fatto loro fiducia in quel momento? Sì. Dovrei farlo adesso? No. Troppe informazioni? Difficile.

Sesso. Noi tutti abbiamo. Molti di noi hanno avuto raggiunto nel momento e fatto scelte poco sagge. Ma la vita può cambiare in un istante - potenzialmente appassionato, caldo, meraviglioso istante - ma questo è tutto quello che serve. E a meno che non Proteggersi con non solo la contraccezione destra ma con la consapevolezza della propria salute sessuale, rischiamo di farci del male - e gli altri.

So che le persone che vivono felici, una vita sana e lunga che ha anche capita di avere l'HIV, e penso a Ben e mi chiedo perché non è qui. Abbiamo certamente le risorse mediche nel Regno Unito. Ma c'è qualcosa di più grande - la paura della discriminazione, la paura del rifiuto sociale, la paura del 'peggiore' che mette la gente fuori sempre testato. Dobbiamo combattere questo stigma. E 'una battaglia in nessun posto vicino sopra.

Un rapporto pubblicato dal Public Health England stima che un quarto delle persone che vivono con l'HIV nel Regno Unito non sanno di averlo. Questo è più di 26.000 persone. Abbiamo bisogno di fare ottenere l'HIV e IST test tanto una parte della nostra routine, come andare dal dentista o dal parrucchiere. Essere consapevoli della vostra salute sessuale non deve essere qualcosa di fatto in sussurri e le visite furtivi in ​​una clinica. Se c'è una cosa che dobbiamo imparare dalla morte di Ben, è l'importanza di ottenere una diagnosi abbastanza presto. Si tratta anche di sapere e il credere che sei speciale e meritano di essere in buona salute e ben.

"Ci sono molte ragioni in più per conoscere il proprio stato di HIV che non ci sono. I moderni trattamenti farmacologici possono mantenere le persone con HIV vivo, ma sono più propensi a lavorare se qualcuno prova tempestivamente", afferma Will Harris da Terrence Higgins Trust. "Qualcuno che è diagnosticata tardi, dopo il punto in cui essi avrebbero dovuto iniziare il trattamento, è dieci volte più probabilità di morire entro il primo anno dopo la diagnosi di qualcuno diagnosticati prima che il virus ha la possibilità di danneggiare il loro sistema immunitario. Ognuno di noi ha un la responsabilità di conoscere il nostro status HIV, sia per proteggere la nostra salute e quella dei nostri partner. Quindi, se è stato un po 'che il tuo ultimo test, fare un impegno di questa Giornata mondiale contro l'AIDS che lo farai questo mese ed essere sicuri della vostra stato."

Per Ben, alla fine è stato crudele. Anche perché dopo essere stato ricoverato in ospedale e dopo aver confermato la sua diagnosi, infine, ha fatto un recupero miracoloso. Egli è venuto di nuovo a noi, più forte, di speranza, determinato a badare a se stesso. Abbiamo iniziato a fare progetti. Si concesse di guardare al futuro. Ma un mese più tardi, se ne era andato. Un'infezione opportunistica.

Era troppo tardi per Ben.

Ma non è troppo tardi per voi. O me. O per le persone che conosciamo e preoccupiamo.

Ben era brillante, creativo, bello (così, così bello). Uno scrittore. Un pensatore. Incredibilmente divertente, terribilmente stupido. Amava il suo gatto. Giardinaggio, la natura, gli uccelli. Amava la cottura. Madonna. Van Gogh. WB Yeats. Poteva sparare fuori una battuta spinato più veloce rispetto alla maggior parte (non fatevi ingannare da quegli occhi azzurri angelici del suo). Ci piacerebbe visitare il teatro, le gallerie, a piedi attraverso i parchi, pianificare grandi avventure. Nei giorni di pioggia, saremmo andati al grande magazzino Liberty nella nostra pausa pranzo e ci sediamo su 4 € divani come se fossimo nel nostro salotto. Un vecchio boss ha descritto la nostra amicizia come una sorta di 'storia d'amore'. Mi fu colpito, è vero. Io lo adoravo. Spero che sapeva solo quanto.

Era quattro anni più di me, ma ora sono più vecchio di lui sarà mai. Guardo quelle carte di compleanno che ho comprato per lui e sono grato per il tempo che abbiamo avuto. Ma io sarò sempre voluto che avremmo parlato di HIV.

Per informazioni su HIV, test e sessuale
di salute, visitare il sito: www.tht.org.uk e www.worldaidsday.org

(Il nome è stato cambiato)