Venendo in America - di Dana Karlson | IT.rickylefilm.com
I marchi

Venendo in America - di Dana Karlson

Venendo in America - di Dana Karlson

Coming To America - da Dana Karlson

Benvenuti al migliore città del mondo che non dorme mai.

Così esclamò il conducente del treno NJ Transit neve schizzato abbiamo girato a Manhattan una notte di Sabato nel mese di febbraio. Zero pretesa di falsa modestia, l'uomo - che indossava un cappello da direttore d'orchestra, non meno - sembrava piuttosto chuffed sia con la destinazione e la sua loquacità metà percorso (come raro sulla sistema di metropolitana di New York, in quanto è in metropolitana).

L'unica cosa che si impara vivendo lontano da casa è che di tutti migliore è un po 'diverso. E le banche di neve e pozzanghere fangose ​​nero ha reso la navigazione le gioie di riaggiustare che molto Messier.

Ma questo era il mio compleanno, quindi la neve sia dannato, era giunto il momento di ballare. Il consumo di alcol è stata coraggiosamente diviso in due campi: tequila per la cena e il gin per le piastrelle.

Ci siamo diretti in centro, dove i numeri cadere in mezzo a Chinatown e Little Italia e troverete le boutique più indipendenti da questa parte dell'Atlantico. L'Esquina, il cugino di Yankee di La Bodega Negra di Londra, servirebbe come la nostra prima tappa.

In una scena che potrebbe essere uscito di Sex And The City (foto Samantha sparring con una hostess snob), siamo arrivati ​​a quello che sembrava un piccolo angolo Taco Stand dagli anni '50 che poteva ospitare non più di 10 ospiti in piedi spalla a spalla. Siamo stati indirizzati verso una porta con la scritta No Entry (ma naturalmente) e giù per una scala squallido, attraverso una cucina in acciaio inox e nel fuoco. Il seminterrato era una stanza buia avvolto in ferro battuto e piastrelle dipinte, incandescente a lume di candela impostare il tono.

Io non sono normalmente uno per un Margarita (mi piace bevande con nomi fioriti), ma la lista di cocktail di Esquina più che compensato per questo. Per la cena abbiamo provato un mix di piccoli e grandi piatti di pesce, carne di maiale tirato e peperoni alla brace che si scioglievano in bocca, ma se ordinate nient'altro è necessario ottenere il mais. E 'un non negoziabile.

Poi è stato Gramercy Park a un clandestino chiamato gin. Avevo perlustrato le macchie in offerta centro avanti della notte, e questo era il posto più adatto per un gruppo più grande di sei. Abbiamo prenotato settimane di anticipo e ha predisposto un punto principale che domina la vasca di bronzo nella parte posteriore del pavimento. L'inganno è stato rapidamente diventando un tema di notte come siamo entrati in un NY-dimensioni standard (leggi: più piccolo di piccolo) negozio di caffè, prima di essere portato nella barra.

L'atmosfera era occupato, forte e scuro - così, l'ideale per una notte di riconnessione. Consiglierei? Sì, ma essere sicuri di negoziare in anticipo, come se il suo partito arriva dopo le 10:30 si potrebbe essere chiesto di pagare 65 € a testa. Il DJ è arrivato alle 10:30 e da allora è stato un mix di rap e top 40 per accompagnare l'impressionante lista di cocktail. Ho ordinato un Brooklyn 75 (questo vi porterà 0-10 in circa due sorsi) e poi una giornalista (solo perché sembrava giusto e da quel punto il sapore era oltre il punto).

Così va nella Grande Mela per la notte: tuffo dentro e vedere dove il buio si apre.

Dana Karlson è un editor di moda freelance che in precedenza ha lavorato presso Glamour.com prima di andare a casa in America. È il suo possibile seguire su Twitter @Dana_Karlson.