Due ex detenuti descrivono la vita dietro le sbarre nella famigerata prigione di Teheran | IT.rickylefilm.com
I capelli

Due ex detenuti descrivono la vita dietro le sbarre nella famigerata prigione di Teheran

Due ex detenuti descrivono la vita dietro le sbarre nella famigerata prigione di Teheran

“Sappiamo cosa Ghoncheh sta attraversando”

Stipata con gli assassini; bendato per interrogatori; minacciato di impiccagione. Questo è ciò che legge laureato Ghoncheh Ghavami potrebbe essere di fronte in questo momento, che si tiene nel carcere di Evin per assistere ad una partita di pallavolo in Iran. Qui due migliori amici, ed ex detenuti, descrivono la vita dietro le sbarre in carcere famigerato di Teheran. [/ I]

Come detto a Kate Graham

Nel corso degli ultimi mesi abbiamo incollato alla storia straziante di 25-year-old Ghoncheh Ghavami, un anglo-iraniana arrestata in Iran per aver tentato di partecipare partita di pallavolo maschile. Accusato di "propaganda contro il regime", il 30 giugno la legge di laurea con sede a Londra è stato gettato in prigione di Evin a Teheran, una carceri più famosi del paese. La scorsa settimana, in occasione 100 giorni dopo la sua incarcerazione, ha continuato lo sciopero della fame.

Possiamo solo immaginare la sua angoscia, ma per Maryam Rostampour, 33, e Marzieh Amirizadeh, 36, che ha trascorso 259 giorni in Evin nel 2009, non c'è immaginazione - hanno ancora incubi il posto. Insieme sopravvissuti alla tortura mentale di Evin, e sono determinati a parlare della loro esperienza per aiutare chi è ancora detenuto all'interno.

Maryam...

"Il mio cuore è affondata quando ho letto Ghoncheh nelle notizie, i ricordi di quel posto terribile mai lontano dalla mia mente. Ero 27 quando sono stato costretto in prigione di Evin, arrestato insieme al mio amico Marzieh, poi 30, con l'accusa di apostasia - la conversione dall'islam al cristianesimo.

Ricordo il giorno siamo entrati in cella insieme; un luogo sporco rumoroso pieno così pieno che le donne avevano a dormire ovunque potevano. Ci sono stati assassini, prostitute e prigionieri politici, 35 di noi stipati in. Oltre 200 donne in totale con solo una manciata di guardie brutali.

E 'stato come essere in una guerra, costante urla, grida e combattere. Si potrebbe andare in 'cantiere' durante il giorno - in realtà solo un'altra cella, senza un tetto - ma c'era tanto combattendo spesso era più sicuro di stare dentro. Ho guardato il viso terrorizzato di Marzieh quel primo giorno e il pensiero, 'Come possiamo fare questo? Come possiamo anche dormire?' Sapevo che ci sarebbe bisogno l'uno dell'altro. Solo che non so quanto le cose più difficili stavano per diventare per noi.

Marzieh e so che Ghoncheh potrebbe essere di fronte una tortura mentale che non ti lascia mai. Non ti è permesso di comunicare con nessuno al di fuori di Evin in un primo momento, e che è stata una delle cose più difficili per noi. Mi piacerebbe pensare alla mia famiglia ogni minuto di ogni giorno. Non sapevano cosa era successo a me ed era il pensiero terribile su come preoccupati devono essere. C'è anche il caos di non sapere cosa è dietro l'angolo. Vuoi essere trascinato ad un interrogatorio di oggi o domani? Abbiamo appena mai saputo.

Poi c'è la realtà di vivere in modo confezionato insieme, in tali condizioni terribili, la malattia è ovunque. La mancanza di nutrizione lo rende peggiore. Il cibo è così disgustoso, pieno di fango, sporcizia, denti e capelli.

Mi è stato avvelenato da una scatoletta di tonno scaduto a un certo punto. Basta un morso mi ha lasciato così male, debole e spaventato ho pensato che stavo per morire. Nonostante vomitare 07:00-05:00, le guardie hanno rifiutato di mandarmi al medico, per quanto Marzieh e gli altri prigionieri pregavano. Anche quando hanno deciso, hanno gridato a me come ho inciampato lungo il corridoio, arrabbiato che dovevano portarmi alla piccola clinica sudicio. Una volta lì, i medici hanno rifiutato il trattamento, mi chiama un infedeli sporco."

Marzieh...

"Naturalmente la cosa peggiore era le esecuzioni Si vivono così strettamente che gli stranieri diventano amici:. Sarà uno di loro improvvisamente svaniscono e non vedrai mai di nuovo Le guardie non dicono mai che qualcuno viene preso da eseguire, semplicemente? chiamare un nome e poi se ne sono andati. Solo quando le guardie arrivano il giorno dopo per raccogliere i loro effetti personali, non si conosce il motivo per certo.

Dopo sei settimane, proprio quando pensavo che le cose non potevano andare peggio, Maryam e ho sentito i nostri nomi chiamati. Siamo stati prese per il posto peggiore in Evin: costruzione di 209. Ho sentito che Ghoncheh è stato inviato anche lì, è un posto terribile. Separato da Maryam, mi è stato gettato in una cella minuscola senza finestre, e in grado di vedere la luce del sole, non ho mai saputo che ora del giorno o della notte è stato.

Ghoncheh può essere in solitario, mi è stato messo con un altro prigioniero. Ma le cellule hanno niente, niente libri o carta - nemmeno un letto. Solo quattro alti muri che si sentono come essi sono in chiusura su di voi. Ho cercato di dormire il più possibile - è stato più facile che essere sveglio con i miei pensieri. Sono stato trattenuto lì per 40 giorni e bendato ogni volta ho lasciato il cellulare, anche per andare in bagno.

Durante gli interrogatori, mi è stato ancora una volta bendato e tenuto in una stanza per nove ore alla volta. Mi avevano minacciato di morte per impiccagione. Avevamo sentito altri prigionieri parlano della loro stupri e torture, visto i segni sui loro corpi. Credo che l'unica ragione per cui non c'è stato torturato fisicamente era perché le nostre famiglie pubblicizzate quello che stava accadendo. Ecco perché abbiamo bisogno di parlare su Ghoncheh.

Dopo nove mesi siamo stati liberati, ma mentre si sentiva incredibile di uscire di Evin insieme, era così difficile lasciare alle spalle gli amici. Maryam e cerco di sostenere per loro. Le donne come Ghoncheh noi hanno bisogno di alzare le nostre voci, così loro possono essere ascoltati. Non lasciate scivolare dai titoli dei giornali - che contribuirà a mantenere al sicuro ".

Partecipa campagna di agire di Amnesty International UK qui e twittare il vostro sostegno per Ghoncheh utilizzando #freeiranianfemalevolleyballfan e #FreeGhonchehGhavami.